Il Concilio Vaticano II tempo di rinnovamento nello Spirito

Nel marzo del 1976 Madre Romana Villa, scrive a p. Bernardino Romagnoli ofmcap, Postulatore generale per la causa di beatificazione della Fondatrice:
«[…] lo studio delle lettere della Madre e dello spirito dell’Istituto […] sta ridestando in tutte l’entusiasmo per l’ideale vissuto dalla Madre e lasciatoci in eredità perché lo continuiamo nella Chiesa. È meravigliosa la forza con cui la serva di Dio ci si presenta ancora oggi come Madre e Fondatrice; la sua figura ci appare attualissima ed entusiasmante. La sua conoscenza e lo studio del suo spirito sono il motore del rinnovamento che ci sta riscuotendo […]. L’Istituto ha preso la sua fisionomia, e sta facendo lo sforzo di recuperarla il più possibile, proprio attraverso lo studio della sua personalità e soprattutto del modo in cui ha risposto alla chiamata di Dio […]».
Leggi tutto

Alle fonti del carisma della Fondatrice
 «L’aggiornamento della vita religiosa comporta il continuo ritorno alle fonti di ogni forma di vita cristiana e allo spirito primitivo degli istituti, e nello stesso tempo l’adattamento degli stessi alle mutate condizioni dei tempi […] Perciò le Costituzioni […] siano convenientemente rivedute e, soppresse le prescrizioni che non sono più attuali, vengano modificate in base ai documenti emanati da questo sacro concilio».
  (Concilio Vaticano II, Perfectæ caritatis, nn. 2.3).

Durante il Capitolo generale del 1972 viene analizzata, e in parte modificata, la prima stesura delle Costituzioni e degli Statuti, stilata dalla Commissione eletta dal precedente Capitolo; durante la medesima assise, secondo le direttive della Santa Sede, l’Istituto dispone la decentralizzazione in Province. Dal 1974 al 1976 viene compiuto un nuovo, ulteriore studio sulle Costituzioni,Leggi tutto

La consegna delle Costituzioni generali ad experimentum (1984)
 «(…) La festa dell’Istituto fu solennemente celebrata da tutta la Comunità [formata dalle Sorelle capitolari n.d.A.] nel pomeriggio di domenica 22 gennaio [1984 n.d.A.] (…) Per la concelebrazione e la consegna delle Costituzioni erano presenti in Genova 34 fraternità della Provincia italiana, e Madre Romana distribuì 135 libretti delle nostre “amate Costituzioni”. Leggi tutto

L’approvazione definitiva delle Costituzioni generali rinnovate (2003)
Nel 1991, dopo una lunga sperimentazione del testo del 1983 arricchito dall’evoluzione degli studi sulla Fondatrice, dall’impostazione del tutto innovativa del Codice di diritto canonico, e soprattutto stimolato dalle sfide e profondi cambiamenti sociali che hanno attraversato le comunità religiose, l’Istituto opera un’ulteriore revisione delle Costituzioni che verranno approvate dalla Congregazione degli Istituti di Vita consacrata e società di vita apostolica l’8 febbraio 2003, frutto ormai maturo di un lungo e non facile percorso di ascolto e fedeltà allo Spirito.


1ASCG sezione Governo, serie Informativi, sottoserie Governo generale: Da un capo all’altro (Genova, 26/01/1984).