Fondi minori (1)

Il riordinamento e l’inventariazione del patrimonio documentario presente nell’ASCG, ha consentito di individuare fondi distinti, ovvero documentazione non prodotta dalla Curia generale, bensì da singole Case ed opere dell’Istituto, in prevalenza italiane, per vari motivi chiuse o cessate, nonché da archivi propri delle prime due Madri generali, con documenti non afferenti al ruolo istituzionale. I documenti relativi agli archivi propri delle Case nell’”Ordinamento Villa” erano spesso conservati nel fascicolo della Casa aperto presso l’archivio corrente che la Segretaria generale, alla dismissione, versava nell’archivio di deposito. Almeno fino al 1972, anno in cui, con la decentralizzazione dell’Istituto, gli archivi delle Case chiuse confluivano negli archivi delle rispettive Curie provinciali, la documentazione si è sedimentata nella sede del Governo generale a Genova, sede condivisa poi con la Curia provinciale italiana fino al 2001. La documentazione dei fondi circoscrive complessivamente un arco cronologico racchiuso tra il 1884 e il 1978 , pertanto l’ASCG conserva alcuni, pur se rari documenti, degli archivi propri di Case chiuse successivamente al 1972, ma al contempo non ne ha affatto di altre chiuse in antecedenza. Gli archivi, che per prassi avrebbero dovuto trasmettere almeno i libri amministrativi e la cronaca, nella maggior parte dei casi hanno subito significativi scarti, oltre che essere stati smembrati soprattutto per quel che riguarda la corrispondenza ufficiale della Superiora.
A partire dal 1926 fino al 1950 l’attività delle Terziarie italiane, sollecitata ed intensamente richiesta da sacerdoti di località rurali, si concentra sugli asili e scuole elementari parrocchiali: Ponteranica (1926), Pasturo e Corgeno (1927), Balestrino (1929), Boissano (1960), Clivio (1934), Avolasca (1935), Nasino (1943), Martina urbe (1945), Biumo (1947), Giustenice (1949). Dalla maggior parte le Suore sono presto ritirate per le necessità della missione di Harrar, altri sopravvivono per poco al dopoguerra e la carenza di nuove vocazioni conduce alla chiusura definitiva quelli rimasti. Molta documentazione, tra i fondi minori, appartiene a quella prodotta durante queste particolari attività che, esaurite in Italia, sono invece state sviluppate, al tal punto da essere caratterizzanti delle Cappuccine presenti in Africa e in Brasile.
Anche se già prima della guerra (nel 1927 con la clinica “Prof. Moro” di Ventimiglia, nel 1934 con “Villa salus” di Bergamo e nel 1943 “Prof. Noto”, sempre a Bergamo) le Cappuccine vi prestavano servizio, è soprattutto nel dopoguerra, a volte rilevando le strutture degli ospedali militari dismessi, che si aprono numerose cliniche private. Erano i direttori, spesso medici di una qualche rinomanza, a chiedere agli Istituti religiosi più che infermiere professionali, suore che vi dirigessero il personale e svolgessero attività amministrative. Pur iniziando a soffrire carenze di nuove leve, l’Istituto accetta il servizio per le cliniche “Salus” di Albenga e “Villa Igea” di Sanremo (1946), di “Santa Lucia” di Savona (1947) e dell’”Istituto materno” di Roma (1951), che però nell’arco di qualche anno va esaurendosi o per il ritiro delle Suore o perché (come nel caso di Bergamo e di Roma) è l’Istituto a divertarne titolare e quindi a cambiarne la configurazione giuridica. Anche questi archivi, poveri sia per la brevità del servizio, sia perché non si trattava di una Casa religiosa, ma essenzialmente di fraternità di non più di tre Suore ‘ospitate’ nella clinica, sono confluiti nell’ASCG dopo aver subito pesanti scarti.
Un discorso a parte meritano alcuni fondi americani di limitata consistenza, di una o al massimo due unità documentarie, che giuridicamente non appartengono all’ASCG, bensì alle Province, ma vi sono conservati perché Madre Romana Villa, supponiamo con l’obiettivo di farne oggetto di studi storici, per sottrarli a scarti sconsiderati o ad una cattiva conservazione, ha ritenuto opportuno trasferirli in Italia.

TOP-INVENTARIO

Fondo Madre Maria Francesca Rubatto di Gesù

TOP-INVENTARIO

Fondo Madre Maria Angelica Pisano di san Francesco

TOP-INVENTARIO

Fondo Pensionato "SS.mo Redentore"
di Finale Ligure

TOP-INVENTARIO

Fondo Orfanatrofio "S. Giuseppe della Provvidenza" di Genova

TOP-INVENTARIO

Fondo Ospedale Civile "S. Nicolò"
di Levanto

TOP-INVENTARIO

Fondo Seminario diocesano
di Lugano (CH)

TOP-INVENTARIO

Fondo Clinica "Salus"
di Albenga

TOP-INVENTARIO

Fondo Asilo infantile "Maria Cerruti"
di Avolasca

TOP-INVENTARIO

Fondo Asilo Infantile Scuola elementare
di Balestrino

TOP-INVENTARIO

Fondo Asilo Infantile e Scuola elementare
di Boissano

TOP-INVENTARIO

Fondo Casa Assistenza Poveri Infermi "S. Cuore di Gesù" di Prà

TOP-INVENTARIO

Fondo Casa Assistenza a domicilio "S. Cuore di Gesù" di Genova-Voltri

TOP-INVENTARIO

Fondo Asilo Infantile
di Martina Urbe

TOP-INVENTARIO

Fondo Episcopio
di Novara

TOP-INVENTARIO

Fondo Asilo Infantile
di Pasturo

TOP-INVENTARIO

Fondo Asilo Infantile
di Ponteranica

TOP-INVENTARIO

Fondo Opera di bene "Ramolini"
di Reggio Emilia

TOP-INVENTARIO

Fondo Casa di cura e di riposo "Villa Igea"
di Sanremo

TOP-INVENTARIO

Fondo Casa Assistenza Poveri Infermi "Pellerano-Rainusso" di S. Margherita Ligure

TOP-INVENTARIO

Fondo Clinica "S. Lucia"
di Savona

TOP-INVENTARIO

Fondo Oratorio "S. Antonio"
di Torino

TOP-INVENTARIO

Fondo Casa Assistenza a domicilio “S. Veronica Giuliani” di Torino