Fondo Asilo Infantile di Martina Urbe

Estremi cronologici: [1909 - 1925]; 1945 feb. 12 – 1957 nov. 11
Consistenza: n. 1 busta e nn. 2 quaderni
Descrizione: Nel precedente ordinamento l’intero Fondo era conservato nella busta denominata: “Martina Urbe. Asilo infantile” insieme a carteggi delle Madri generali sr. M. Anacleta Bianchini e sr. M. Pia Vernazza, ed altri documenti afferenti alla Curia, nella serie Case chiuse. Per richiesta del Prevosto don Antonio Zunino, le Suore aprirono un Asilo infantile e un Laboratorio femminile a Martina Urbe nel febbraio del 19451 alloggiando nella casa lasciata dalla Sig.ra Tommasina Zunino. «Il 15 febbraio 1945 dietro mia ripetuta istanza e previa approvazione di Sua Ecc. Mons Giuseppe Dell’Omo, Vescovo di Acqui, un piccolo nucleo di Suore Terziarie Cappuccine, prendevano stanza provvisoria in un piccolo appartamento sito in piazza della Chiesa perché la casa lasciata dalla signora Zunino, sita sulla Via Provinciale, è attualmente affittata a sfollati, i quali però a fine guerra dovranno lasciare detti locali alle Suore. Il sottoscritto (don Antonio Zunino) s’impegna di venire incontro ai bisogni delle Suore, così pure la popolazione che tanto ha desiderato le Suore. Questo impegno intendo sia rispettato e compiuto anche dai miei successori» (da uno scritto di don Antonio Zunino). Nell’ottobre del 1957 sr. M. Pia Vernazza, Madre generale, comunica al Sindaco la decisione di ritirare le Suore: «(…) motivata dall’impellente necessità di avere le Suore per sostenere un’opera di bene maggiore assai del piccolo asilo di Urbe, e cioè per l’asilo di Genova zona Pianderlino (per espressa richiesta del Card. Siri), dove già sono prenotati oltre 50 bambini (e raddoppieranno) mentre a Urbe(…)i bambini che frequentano l’asilo sono al massimo 5 o 6. La stessa Suora addetta si avvilisce di vedere l’asilo deserto».

SERIE CRONACA
Estremi cronologici:1945 feb. 12 – 1957 nov. 11
Consistenza: n. 1 quaderno
Descrizione: La serie contiene una cronaca che documenta la presenza e le attività delle Suore dall'entrata, nel febbraio del 1945, al ritiro, avvenuto nel novembre del 1957 e che pertanto copre l’intero periodo di permanenza delle Suore.

SERIE REGISTRO SANTE MESSE
Estremi cronologici: 1950 nov. 1°– 1957 ott. 7
Consistenza: n. 1 quaderno
Descrizione: La serie contiene un quaderno in cui sono registrate le celebrazioni eucaristiche il cui frontespizio recita: «Anno del Signore 1950. Anno Santo. SS. Messe celebrate nella nostra cappella in Urbe Martina».

SERIE AMMINISTRAZIONE
Estremi cronologici: [1909 - 1925]; 1945 mar. 6 –1957 ago. 11
Consistenza: n. 1 busta
Descrizione: La serie contiene parte del carteggio intercorso tra la Superiora e Mons. Dell'Omo, vescovo di Acqui, il prevosto e le autorità civili. Vi sono altresì conservate alcune fatture e minute contabili, il disegno di un progetto architettonico per l'edificazione dell'Oratorio privato delle Suore e un necrologio. Tra la documentazione personale delle Suore sono presenti i certificati elettorali per gli anni 1951-1956 e una tessera della Croce Rossa Italiana.

1 Se il 1945 è l’anno a partire dal quale inizia la presenza delle Suore, tuttavia tra la documentazione è stata rinvenuta una distinta di entrate-uscite dal 1909 al 1925 recante l’indicazione: «Entrate e spese per la Casa di Martina estratte dal libro registro di F.co Pizzorno», che fa pensare ad una precedente, e non documentata altrimenti, presenza delle Terziarie.