Fondo Asilo Infantile Scuola elementare di Balestrino

Estremi cronologici: 1928 set. 28 – 1935 dic. 30
Consistenza: nn. 2 buste
Descrizione: Il Fondo contiene documenti prodotti durante il servizio delle suore insegnanti nella Parrocchia di Balestrino. Nelle “Norme per l’asilo eretto in Balestrino” sr. M. Angelica Pisano, Madre generale, scriveva: «L’asilo Infantile di Balestrino per la vicinanza della casa di Loano resta sottoposto alla casa stessa. La Suora che presiede all’asilo viene eletta di anno in anno e non per triennio […]».
Per l’apertura dell’Asilo infantile a Balestrino il Podestà di Savona, Col. A. Panizzi, aveva fatto un bando nel luglio del 1928 e il prevosto, don Giuseppe Mexea, si era addirittura recato in America latina per raccogliere dei fondi allo scopo presso i conterranei colà residenti. L’attività delle Suore, iniziata nel settembre del 1929, non si era limitata all’Asilo e alla Scuola elementare, ma comprendeva anche un laboratorio di ricamo e cucito per ragazze. I locali in cui abitavano le Suore, che ospitavano anche i bambini dell’asilo e gli scolari, erano stati messi a disposizione dal sig. Domenico del Carretto dei Marchesi di Balestrino, ma erano ambienti umidi e insalubri, pertanto nel giugno del 1937 sr. M. Anacleta Bianchini, Madre generale, scriveva al prevosto, don Giovanni Ferrari, i motivi del ritiro delle Suore:
«[…] li riassumo per sommi capi in due: il disagio spirituale e materiale in cui da tempo si trovavano le Suore (pensi i bimbi dell’asilo ridotti a 3-4). […] il bisogno di Suore per la Missione dell’Africa O.I. che ci indusse a chiudere pure altro Asilo» infatti le Suore erano «impossibilitate a fare quel bene che dovrebbero e desidererebbero di fare […] senza conforti religiosi e con scarsi mezzi di vivere per un numero sì esiguo di bambini».
Le Suore furono ritirate al termine dell’anno scolastico il 12 giugno 1937. Nel precedente ordinamento l’intero Fondo era parte della serie Case chiuse e conservato nella busta denominata: “Balestrino. Asilo infantile” insieme al carteggio della Madre generale con le autorità civili e il parroco.

SERIE AMMINISTRAZIONE
Estremi cronologici: 1928 set. 28 – 1930
Consistenza: n. 1 busta
Descrizione: La serie consiste in documenti stilati da sr. M. Angelica Pisano, Madre generale, come norme interne della casa che riguardano soprattutto la Superiora, e una lettera alle suore. Il “Quaderno delle relazioni di Casa” o ciò che resta di una cronaca annuale.

SERIE CORRISPONDENZA
Estremi cronologici: 1933 gen. 13 – 1935 dic. 30
Consistenza: n. 1 busta
Descrizione: La serie consiste nelle circolari della Direzione didattica di Loano alla suora insegnante e in una lettera del Col. A. Panizzi, Podestà di Savona.

1«[…] mancando per di più l’assistenza religiosa per la morte del R. Parroco che successe a Don Mexea» (ASCG, serie Case, sottoserie Miscellanea, fasc. 1).