Fondo Oratorio “S. Antonio” di Torino

Estremi cronologici: 1936 ott. 20 – 1963 dic. 13
Consistenza: n. 1 quaderno
Descrizione: Il Fondo contienela documentazione susperstite dell’archivio dell’Oratorio ubicato in Via Quincinetto prima, e poi in Via Bonzo a Torino. «Nel nome del Signore con la sua santa benedizione, sotto la protezione della SS.ma Vergine Maria Immacolata protettrice del nostro Istituto e del Serafico P.S. Francesco, nel giorno di martedì 20 Ottobre 1936, sacro agli Angeli Custodi e al Taumaturgo S. Antonio nella Città e Archidiocesi di Torino si prese dimora noi Suore Terziarie Cappuccine di Loano nella casa e Chiesa dei Cappuccini detto Oratorio di S. Antonio in Via Quincinetto n° 11, in numero di quattro Suore inviate dalla Rev.ma Madre generale Suor M. Anacleta di S. Bonaventura. Allo scopo di dedicarci a coadiuvare nell’opera di bene “Opere Parrocchiali” istruzione Catechistica alla gioventù, laboratorio femminile, fu chiamata la nostra Congregazione in Torino dal M.R.P. Egidio (Lanzo) da Caraglio, Cappuccino, Parroco della Chiesa Madonna di Campagna, dipendendo da Lui per estenzione di Parrocchia la Chiesa di S. Antonio. Con approvazione di Sua Em.zaRev.ma Mons. Maurillo Fossati il Sig. Cardinale Arcivescovo di Torino che benignamente concesse la nostra entrata in Diocesi e con sua Pastorale benedizione nella visita a Lui, fatta nel Suo Palazzo il giorno 22 Ottobre stesso si iniziò la nostra opera» (dalla Cronaca). Le Suore si occupavano della gioventù col Laboratorio, con il Catechismo e il Ricreatorio. Il 13 ottobre 1963 per la diminuita disponibilità di Suore e a causa della casa di Via Bonzo angusta e malsana, la Comunità viene unita a quella di Via Casalis, sempre a Torino. Sr. Elena continuò ad occuparsi del Nido delle Concerie Italiane Riunite (C.I.R.). Nel novembre del 1963 l’Istituto riuscì ad acquistare un terreno in una posizione periferica, adiacente a Corso Grosseto, e ivi costruire una casa dove anche le Suore di Via Casalis potessero essere trasferite per formare un’unica comunità in quel di Torino. Nel precedente ordinamento la Cronaca era conservata nella serie Case chiuse in una busta denominata: “Torino. Oratorio” insieme ad altri documenti afferenti alla Curia.

SERIE CRONACA
Estremi cronologici: 1936 ott. 20 – 1963 dic. 13
Consistenza: n. 1 quaderno
Descrizione: La serie contiene il libro della cronaca in cui sono registrati i fatti salienti riguardanti le Suore, la loro attività liturgica, pastorale e di relazione con la Curia generale ininterrottamente dal 1936 al 1963.