Estremi cronologici: 1977 – 1993
Consistenza: nn. 14 buste, nn. 12 volumi, nn. 10 registri e nn. 5 quaderni
Descrizione: La serie consiste nella documentazione prodotta dal Centro Studi Madre Rubatto .Istituito ufficialmente il 23 gennaio 1978,giorno anniversario della fondazione dell’Istituto, durante il XIV Capitolo generale, inizialmente vi furono chiamate a far parte solo quattro suore:treprovenienti dalle Province neo-costituite, e una coordinatrice, membro del Governo generale; successivamente tuttavia si avvincendarono a lavorarvi altre Suore, oltre a giovani Suore-studenti negli Atenei teologici romani. L’obiettivo del CSMR era di giungere non solo alla pubblicazione dell’edizione critica degli Scritti di Madre Rubatto, ma di raccogliere materiale storico e bibliografico che illustrasse l’ambiente sociale, culturale e religioso in cui Ella si era formata e in cui l’Istituto ha affondato le sue radici e motivazioni, per riscoprire ed approfondire i valori suscitatori del carisma. L’istituzione del CSMR si era resa indispensabile per due importanti processi in atto all’interno dell’Istituto: la Causa di Beatificazione della Fondatrice, già Serva di Dio, i cui due processi apostolici erano in corso nelle arcidiocesi di Genova e di Montevideo, e la revisione delle Costituzioni generali, già avviata nel 1969 dietro impulso del Concilio Vaticano II, e conclusa nel 1983 con l’approvazione ad experimentum. Il CSMR ha terminato la sua attività ed esaurito il suo scopo, alla vigilia delle Beatificazione di Madre Francesca Ribatto, avvenuta nell’ottobre 1993, dopo aver raggiunto, almeno parzialmente, gli obiettivi iniziali di maggior rilievo.Nel 2003 tuttavia sr. Gabriella Preda, allora Madre generale, dopo aver predisposto a Roma una nuova sede per l’Archivio storico della Curia, volle ricostituire il Centro per proseguire ed approfondire l’attività di ricerca scientifica sulla Fondatrice e soprattutto sul carisma rubattiano. E proprio a partire da questo progetto emerse la necessità di un riordinamento generale delle carte che, nonostante il lavoro di Madre Villa, dopo ben due trasferimenti, ne necessitavano. La serie, prodotta durante più di quindici anni d’intenso lavoro, non era ordinata in serie, né condizionata uniformemente; alcune parti sono state raccolte da Madre Villa in buste di plastica e poste all’interno di raccoglitori ad anelli di grande formato: "Madre Fondatrice. Dati personali", "Madre Fondatrice. Curriculum-ricerche", "Chiesa in Liguria e storia Liguria", "Piemonte. Santi e personaggi", "Catechesi in Torino", "Piemonte storia" e "Fonti apostoliche e spirituali", attualmente ricondizionate in carpette anacide. Nell’ordinare la disparata tipologia di documenti, spesso priva di precisi riferimenti cronologici, abbiamo individuato dei nuclei che sono andati a costituire delle sottoserie su temi omogenei così denominate: Studi storico-biografici su M. Rubatto, Studi sugli Scritti di M. Rubatto, Studi su spiritualità e carisma di M. Rubatto, Schedari e Amministrazione CSMR. Parte della documentazione è confluita, nel presente Ordinamento, in serie afferenti quali Legislazione e Capitoli generali, o nell’ampia sezione Madre Fondatrice.